Icona iscritti 2.570.556 iscritti
Logo Perdi Peso System

LA PROTEINA BP3 PUÒ SCONFIGGERE L'OBESITÀ. SCOPRI PERCHÉ!

La proteina BP3

La proteina BP3, protagonista di un nuovo studio scientifico, si è rivelata un’arma incredibile contro l’obesità.

Lo rivela un recente studio condotto sui roditori e pubblicato sulla rivista “Scientific Reports”.

Secondo i ricercatori della Georgetown University, che hanno sperimentato questa proteina sui topi obesi, essa in soli 18 giorni, ha ridotto il peso dei roditori di ben un terzo.

 

Cos’è la proteina BP3?

 

La proteina BP3 è prodotta naturalmente dall’organismo di alcuni animali. Essa fa parte di una categoria di molecole che, si legano alle cellule del tessuto connettivo, chiamate fibroblasti.

In particolare queste molecole (i fibroblasti) si legano ai fattori di crescita delle cellule del tessuto connettivo. Le BP3, in particolare, svolgono vari ruoli: regolano la crescita del tessuto, regolano gli ormoni e regolano il metabolismo dei grassi e degli zuccheri.

Il professor Anton Wellstein, oncologo presso la Georgetown University, afferma che i topi obesi sono stati trattati, in diciotto giorni, solo 8 volte con questa proteina naturale, e pur continuando ad alimentarsi come facevano abitualmente sono dimagriti moltissimo riducendo, come già accennato, la massa grassa di un terzo.

Proprio alla capacità della proteina di regolare il metabolismo e lo smaltimento di zuccheri e grassi, è dovuto l’effetto di riduzione del peso dei topi obesi in pochi giorni.

Questa proteina bifronte è efficace anche nel contrastare i livelli alti di zucchero nel sangue, quindi, nel contrastare il diabete.

La proteina BP3, è stata studiata in questo caso sui topi, ma è presente in animali molto diversi fra di loro, cosa più rilevante è che essa è presente anche nell’uomo.

 

Quali sono gli effetti della proteina sul metabolismo basale?

 

La BP3, secondo i ricercatori, si è legata anche a tre differenti fibroblasti fondamentali nel metabolismo basale, per tale motivo è chiamata bifronte. Questi fibroblasti sono il 19, il 21 e il 23 e sono in grado di velocizzare tutte le funzioni legate al metabolismo basale.

Parliamo grazie al legame tra BP3 e fibroblasti 19, 21, e 23 si ottiene un veloce utilizzo dell’energia degli zuccheri, dell’uso e dell’eliminazione veloce dei grassi, ossia, di tutte quelle attività che se velocizzate evitano lo stoccaggio dei grassi come energia di riserva nel tessuto adiposo.

 

L’impatto di tutti questi fibroblasti sul metabolismo di grassi e carboidrati hanno un effetto dimagrante notevole sui roditori studiati. Livelli di grassi e zuccheri nel sangue dei topi risultavano, infatti, diminuiti mostrando un mutamento in tutte le funzioni metaboliche.

 

Com’è stato scoperto l’effetto della proteina BP3?

 

Studiando l’efficacia della BP3 su alcuni tipi di tumori, ha raccontato l’oncologo e coordinatore della ricerca il professor Wellstein, abbiamo visto che i roditori dimagrivano velocemente senza presentare effetti collaterali.

Le malattie metaboliche sono diventate una vera piaga per l’uomo moderno, parliamo di: obesità, diabete, insulino resistenza, dislipidemia e fegato grasso.

Questa promettente scoperta prevede ora di sperimentare anche sull’uomo la BP3.

 

Perché la ricerca impiega tante energie per cercare una cura per l’obesità?

 

L’obesità, in base a recenti studi, può essere definita una malattia sociale e una vera epidemia mondiale. Sono, cioè, fattori ambientali e socio economici la causa principale dell’obesità e questo la rende un’epidemia difficilissima da contrastare per la scienza.

 

I dati dell’epidemia.

Dal 1975 al 2018 l’OMS ha stabilito che ci sono:

 

  • 650 milioni di persone obese sopra i 18 anni
  • 340 milioni di obesi tra i 5 e i 19 anni
  • 41 milioni di bambini obesi sotto i 5 anni

 

 

Dati preoccupanti che hanno portato tutti i medici ricercatori a porre attenzione a un eventuale effetto anoressizzante, dimagrante e velocizzante sul metabolismo, ciò, in qualunque sostanza da loro sperimentata.

 

Fonte: https://www.nature.com/articles/s41598-018-34238-5

Prodotto consigliato

Per rendere ancor più efficaci i benefici di una corretta alimentazione e di una regolare attività sportiva Giorno & Notte MaxiUno ® può diventare un valido aiuto.
I principi attivi dei 6 componenti naturali di questo prodotto possono facilitare le 4 fondamentali fasi del dimagrimento.
Assumendo una sola tavoletta effervescente al giorno infatti è possibile ridurre l’assorbimento dei carboidrati, stimolare la termogenesi, depurare e regolarizzare le funzioni intestinali.

Non tutti riescono a dimagrire velocemente!
Per ottenere dei risultati che durino nel tempo non possono mancare: tenacia, consapevolezza e uno stile di vita sano.

CALCOLA GRATIS IL TUO PESO FORMA IDEALE!

   




Articoli correlati
Qual è la farina più proteica?
Categoria: Mangiare bene