Icona iscritti 2.570.556 iscritti
Logo Perdi Peso System

CAFFÈ: NUOVA RICERCA AFFERMA CHE CONTRASTA PICCHI DI ZUCCHERO NEL SANGUE, DIABETE E SOVRAPPESO.

Nuova ricerca sul caffè che contrasta il diabete

Il caffè previene e riduce l’insorgere del diabete di tipo due del 7% per ogni tazzina bevuta e favorisce il dimagrimento. A rivelarlo una ricerca pubblicata sulla nota rivista “Nutrition Reviews”.

 

Lo studio scientifico di revisione su più di un milione d’individui.

 

Questo studio ha rielaborato e revisionato altri 30 studi sul caffè fatti in passato, su un campione enorme d’individui. La conclusione a cui arriva è interessante poiché, i ricercatori arrivano ad affermare che,  bevendo dai tre ai cinque caffè al giorno si riduce il rischio di ammalarsi di diabete di tipo due del 30-35%.

Anche il caffè decaffeinato, inoltre, sarebbe in grado di ridurre il rischio di diabete del 6% a tazzina e ciò dimostra che a ridurre il rischio di diabete non è la caffeina ma, le sostanze antiossidanti contenute in questa tradizionale bevanda.

Sono proprio gli antiossidanti del caffè, infatti, a ridurre lo stress ossidativo e a proteggerci da diverse patologie metaboliche come il diabete. Nei trenta studi è spesso sottolineata la capacità della preziosa bevanda di ridurre i livelli d’infiammazione dei tessuti, tale aspetto è altrettanto importante per la prevenzione delle patologie del metabolismo e la degenerazione dei tessuti.

 

 Il nuovo studio su circuito genetico.

 

A conferma di tale risultato il Politecnico di Zurigo si è avvalso di una nuova tecnologia sperimentale: l’uso di un circuito genetico sintetico creato in laboratorio.

I ricercatori hanno cercato di capire come la caffeina potesse influenzare i livelli di zucchero nel sangue usando questo circuito sintetico che, simula l’organismo umano.

Da tale sperimentazione è emerso che il caffè è in grado di attivare la produzione di una molecola che è usata per curare il diabete di tipo tre.

La cosa interessante è che questo risultato, non ancora provato sull’uomo ma, solo sui ratti ha aperto la strada a terapie e prevenzione con sostanze naturali e di uso comune che, si sono rivelate capaci di modificare il circuito genetico.

Lo studio è molto interessante e si può trovare sulla rivista “Nature Communications”.

 

Il diabete di tipo tre.

 

Quest’ultimo studio parla di diabete di tipo tre ma, in realtà tale patologia e la sua definizione non è stata fatta in modo chiaro. Spesso viene chiamato anche doppio diabete e sarebbero gli effetti che il diabete sia di tipo 1, sia di tipo 2 hanno sulle funzioni cerebrali. L’inefficacia dell’insulina chiaramente non permette al cervello di avere il suo nutrimento, ossia, lo zucchero. Senza zucchero o glucosio memoria, concentrazione e altre abilità cognitive sono compromesse.

 

Quali sono gli effetti sul peso del caffè?

 

Il nostro metabolismo si basa proprio sul glucosio che è la nostra energia. Per mantenere un peso forma ottimale, il livello di zuccheri nel sangue deve essere sempre basso e costante.

Se mangiamo un dolce il livello di zucchero sale velocemente e viene prodotta, dal pancreas, in quantità massicce insulina che, trasforma lo zucchero in energia da usare subito. Se lo zucchero, tuttavia, è troppo e non lo consumiamo subito l'insulina lo trasforma in grasso. Il caffè, dunque, tenendo basso il livello di zuccheri nel sangue preso dopo i pasti aiuterebbe a limitare l’accumulo di grassi.

Questo si può dire in linea di massima sul caffè ma, ricordiamoci che ognuno di noi è unico e che il caffè contiene sostanze eccitanti, ossia, la caffeina che in soggetti particolarmente ansiosi o sensibili può creare aumento della fame.

Una quantità ottimale, dunque, è di 3 o 5 al giorno per evitare che da vantaggio diventi svantaggio.

Prodotto consigliato

Per rendere ancor più efficaci i benefici di una corretta alimentazione e di una regolare attività sportiva Giorno & Notte MaxiUno ® può diventare un valido aiuto.
I principi attivi dei 6 componenti naturali di questo prodotto possono facilitare le 4 fondamentali fasi del dimagrimento.
Assumendo una sola tavoletta effervescente al giorno infatti è possibile ridurre l’assorbimento dei carboidrati, stimolare la termogenesi, depurare e regolarizzare le funzioni intestinali.

Non tutti riescono a dimagrire velocemente!
Per ottenere dei risultati che durino nel tempo non possono mancare: tenacia, consapevolezza e uno stile di vita sano.

CALCOLA GRATIS IL TUO PESO FORMA IDEALE!

   




Articoli correlati
Mirtillo: un'arma contro gli inestetismi localizzati!
Categoria: Benessere